iscriviti
Error
×
Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali - Privacy Policy
iscriviti
Error
Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali - Privacy Policy
iscriviti
Error
Depressione da rientro?
Depressione da rientro?
Ecco come superarla
Umore in picchiata? Sempre più stanchi, irritati, fuori forma? Nessun allarmismo. È solo la classica sindrome da rientro, che spaventa almeno un italiano su quattro. Non bisogna lasciarsi travolgere dalla nostalgia delle ferie ma, piuttosto, affrontare il rientro in città con la giusta carica e determinazione.

POST - VACATION BLUES
Sono stati proprio gli inglesi che, non potendo beneficiare di un clima che consenta loro un rientro senza rimpianti, hanno pensato bene di coniare un termine specifico per il malessere da rientro. “Blue”, infatti, è sinonimo di tristezza, nervosismo, depressione, spossatezza. Esattamente tutti quei sintomi che colpiscono gran parte di noi quando torniamo al lavoro o sui banchi di scuola. La ragione principale di tutto ciò? Le ferie concentrate in agosto e, soprattutto, la “qualità del tempo che cambia”. Rispetto al passato, infatti, è mutata l’abitudine degli italiani che preferiscono andare in ferie in un periodo determinato e per più tempo piuttosto che diluire il riposo in più tranche. Così, quando si rientra da una pausa in genere abbastanza lunga, ci si prepara quasi a una nuova “era”, impattando con una mole di lavoro e di impegni davvero notevole. In altri Paesi, invece, ci sono diversi periodi di vacanza, certamente più brevi, sparsi nel corso dell’anno. Questo consente però di riposarsi meglio senza perdere l’abitudine al lavoro e ai suoi ritmi.

I NOSTRI CONSIGLI
La fase del rientro risulta talvolta insidiosa e la ripresa lavorativa, oltre che delle abitudini quotidiane, può generare disagio, stanchezza, difficoltà di concentrazione, mal di testa, sensazione di stordimento, confusione, tachicardia, iper-sudorazione, dolori muscolari. Frequenti anche sintomi a maggior connotazione affettiva: perdita di entusiasmo, irritabilità, rimuginìo, chiusura relazionale. Certamente, alla base di tali disagi, vi è una componente psicologica, legata alla nostalgia dei giorni vacanzieri. Non manca però un fondamento fisiologico: meno tempo passato all’aria aperta e una minore quantità di luce solare riducono, anche se temporaneamente, la produzione di serotonina, neurotrasmettitore implicato nella trasmissione dei messaggi che riguardano l’appetito, il sonno e l’umore. La produzione di serotonina è infatti stimolata dalla retina, a sua volta stimolata dalle radiazioni solari. A ciò va aggiunto che il nostro fisico deve affrontare i cambiamenti di ritmo, ambientali e climatici tipici della stagione autunnale. Per questo è fondamentale assicurarsi una giusta dose di proteine, vitamine e sali minerali affinché il nostro corpo possa rispondere al meglio.
UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE AIUTA
Bisognerebbe tornare e privilegiare con regolarità la nostra cara dieta mediterranea, che aiuta a diminuire non solo di peso ma a ridurre anche il rischio di malattie cardiovascolari; l’Alzheimer; il Parkinson e i tumori. La nostra dieta post-ferie deve lasciare spazio alle fibre e alle proteine del pesce e delle carni bianche. Bere almeno un litro e mezzo d’acqua al giorno resta fondamentale, tanto quanto limitare il consumo di street food lasciando spazio a prodotti fatti in casa.
Per i condimenti, limitare l’utilizzo del burro/strutto e preferire l’olio extravergine d’oliva che contiene acido oleico, che aiuta a tenere bassi i livelli di colesterolo. L’olio di oliva è, inoltre, ricco di sostanze antiossidanti. Non possono mancare, naturalmente, frutta e verdura, meglio se di stagione: l’alto contenuto di fibre facilita la regolarità intestinale e favorisce il senso di sazietà. Perfetta per questo periodo è l’uva, che contiene molte vitamine del gruppo B e C; fibre alimentari; potassio; proteine e melatonina, ormone che contribuisce a regolare il ritmo sonno veglia. Ottime anche le mele, che apportano vitamine A, B e C. Consigliato il pesce azzurro che apporta acidi grassi essenziali utili per il buon funzionamento di cuore, muscoli e cervello; e le carni bianche ricche di proteine nobili che vanno a costituire la massa magra (i muscoli), contribuendo così a bruciare il grasso. Fondamentali le mandorle che apportano magnesio e calcio utili per i muscoli e le ossa; e frutta secca, legumi e cacao, ricchi di magnesio.
UN AIUTO PER I PIÙ PICCINI CHE RIENTRANO A SCUOLA
Per quanto riguarda il cibo, in vista del rientro a scuola, è buona regola cambiare la dieta estiva incominciando a reintrodurre una maggiore quantità di frutta e verdura e facendo attenzione a non appesantire i bambini, soprattutto a pranzo e di giorno, quando hanno bisogno di energia e concentrazione. Contro mal di testa, nervosismo e stanchezza, può essere utile la pappa reale, un ottimo ricostituente naturale, in grado di combattere l’astenia, l’ansia e anche leggeri stati depressivi.
Invogliate inoltre i vostri piccoli, a praticare sport, purché siano loro a scegliere. Parlatene insieme e cercate di captare quali sono le attività o gli sport che preferirebbero praticare, cercando di assecondare i loro gusti e le loro inclinazioni.
PROVATI PER VOI:
• RHODIOLA + IPERICO CON MAGNESIO Le caratteriste dell’iperico sono ormai note da tempo come “fiori del buonumore”, poiché può favorire il normale tono dell’umore. Inoltre predispone al rilassamento e al benessere mentale. La radice di rodiola possiede proprietà adattogene e può agire come tonico contro la stanchezza fisica e mentale.
• PIÙ CARICA Integratore alimentare di sali minerali e vitamine. Il Potassio contribuisce alla normale funzione muscolare. Il Magnesio e la Vitamina C contenuti contribuiscono inoltre alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento.
• RELAX GIORNO & NOTTE Presenta un’associazione di estratti vegetali noti fin dall’antichità per la loro capacità di contribuire al rilassamento. Passiflora, Camomilla e Biancospino, utili per favorire il benessere mentale, sono presenti in associazione con Valeriana, Lavanda ed Escolzia, da sempre utilizzate per favorire il sonno e il rilassamento in caso di stress.
Angela Rendo
Condividi sui Social

L' AMORE CONTA

Nel corso degli anni ho imparato che l’Amore è inclusione, ho coltivato la “mentalità dell’abbondanza” che è quella di chi crede che il mondo, come è vero, sia pieno di opportunità.

Continua a leggere

TOP