iscriviti
Error
×
Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali - Privacy Policy
iscriviti
Error
Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali - Privacy Policy
iscriviti
Error
LA SOLITUDINE
LA SOLITUDINE
Ognuno sta sul cuor della terra trafitto da un raggio di sole, ed è subito sera.

Chi di noi non ricorda la poesia di S. Quasimodo studiata a scuola e forse, allora, non del tutto capita? Versi tristi eppure bellissimi, che descrivono molto bene, ancora oggi, come si pensi di essere al centro del mondo, intrecciando relazioni con gli altri, raggiungendo posizioni lavorative di grande prestigio, credendo davvero di essere arrivati in cima. Amici importanti, status economico invidiabile, famiglia fantastica, felicità costruita a tavolino. Tutto bellissimo, come il raggio di sole della poesia. Poi all’improvviso succede qualcosa che ci ferisce. Non bastano più tutti i benefit di cui siamo dotati, cosa succede?
Si, a me succede da sempre così: nei momenti di festa il cuore si intristisce, mi richiama all’ordine dell’Universo, alla condivisione, qualcosa comincia a farmi male. Le immagini di quelle persone in fuga, con tutti i loro averi in un sacco nero, sembrano materializzarsi nel salotto di casa. La ragazza uccisa a Roma, che aveva solo 16 anni, sarebbe potuta essere mia figlia…Mi chiedo: come è successo che nessuno si sia accorto della sua solitudine, dei suoi problemi, del suo cuore che sanguinava, aveva tanti amici intorno? Era Sola in mezzo a un mare di gente?Si può essere soli in una calca di gente, forse tanti lo sanno. Cosa fare? Me lo chiedo spesso e penso che dobbiamo aprire gli occhi, la mente e condividere tutto, ognuno deve fare la propria parte e condividere ancora, perché non è una sola goccia d’acqua quella che scava la pietra ma più gocce una dopo l’altra possono bucare il marmo.
La teoria va bene ma solo in teoria mentre per cambiare la realtà bisogna agire in primis su se stessi, tutti i giorni e spesso più volte al giorno, cambiare i punti di vista.
Da questo numero inizieremo a dare spazio a storie di vita reale, raccontate dai protagonisti. Ho conosciuto alcuni di loro, sono entrata un po’ nelle loro vite, difficili, faticose ma mai in solitudine!Cominciamo con l’essere gocce se vogliamo diventare mare!

Auguro a tutti un 2019 che apra il cuore e la mente!
Maria Zuccarelli
Condividi sui Social

LA SOLITUDINE

Ognuno sta sul cuor della terra trafitto da un raggio di sole, ed è subito sera.
Chi di noi non ricorda la poesia di S. Quasimodo studiata a scuola e forse, allora, non del tutto capita?

Continua a leggere

TOP