iscriviti
Error
×
Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali - Privacy Policy
iscriviti
Error
Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali - Privacy Policy
iscriviti
Error

Progetto EssereDonna 2017/2018


La violenza sulle donne, come un tornado di dimensioni galattiche, continua, inarrestabile… Ma questi uomini violenti da ragazzi com’erano? E chi sono queste vittime che ignorano l’amore verso se stesse e subiscono? Com’erano da bambine?

Molto probabilmente le loro storie da bambini si assomigliavano, avranno vissuto in famiglie dove la violenza l’hanno respirata da piccoli, l’autostima non l’hanno mai conosciuta e la mancanza d’Amore è stato il seme del maleficio cresciuto con loro.

A Scuola di Rispetto, con Equilibra, per prevenire perché per occuparsi in modo efficace del presente, alcune volte, bisogna partire dal passato.

Da sempre Equilibra si è occupata di temi sociali e dal 2014, con il Progetto EssereDonna, è attiva contro la violenza sulle donne e la violenza di genere.
Nel primo anno ha sostenuto, sul territorio italiano, associazioni che attraverso le case famiglia si occupano dell’accoglienza di donne e bambini.
Nel 2015/2016 ha  pubblicato un libro “Scriviamo un’altra Storia” con la vicinanza intellettuale di grandi nomi:  Tarah Gandhi Bhattacharjee, Johan Galtung, Alessandro & Sonia Del Piero, Maurizio Costanzo, Dante Maffia, Giorgio Pasotti, Mirca Viola, Maria Rita Parsi, Lucia De Cristofaro, Simone Amato, Giuliana Ferraz.
Quest’anno, avvalendosi della collaborazione del Dr. Fulvio Rossi ex Procuratore, fondatore della Palestra dei Diritti,  mira a prevenire la violenza partendo dalle scuole Medie e Superiori.

Questo primo progetto pilota vedrà coinvolte 4 regioni:  Piemonte – Toscana- Lazio – Campania.
L’obiettivo fondamentale  è preparare i giovani (futuri uomini e donne di domani) alla Cultura del Rispetto, ma soprattutto a riconoscere i segnali della violenza, difendersi (quando inevitabile) e rivolgersi alla giusta istituzione, con la piena consapevolezza dei propri diritti.

Le lezioni saranno inserite nell’ambito delle attività scolastiche che si svolgeranno dal mese di ottobre a maggio.
Saranno coinvolte Scuole Medie e Istituti Superiori, con l’assenso e la partecipazione dei dirigenti scolastici, che avranno a loro disposizione per l’intero anno scolastico una pianificazione di 14 ore per singola classe. Le prime lezioni saranno a cura di una psicologa/o psicoterapeuta che con l’utilizzo del metodo del brainstorming, stimolerà  l’intelligenza critica, l’importanza di ascoltare le idee degli altri e favorire il flusso delle  proprie,  creare un clima favorevole alla discussione, al confronto, esaminare  attraverso anche filmati, situazioni  di potenziale pericolo e rischio scaturenti da  stalking ( indici rilevatori, prevenzione e rimedi), bullismo / cyberbullismo (rilevarlo e denunciarlo), mobbing (familiare e lavorativo, difesa e tutela), legittima difesa, maltrattamenti, violenze sessuali, aggressioni verbali, psicologiche, molestie, discriminazioni.  Si analizzerà la violenza come violazione di diritti umani, come danni alla salute - definita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità  non come assenza di patologie, ma come diritto al benessere psicofisico - arrecati dalla violenza, diretta o assistita.
Alle ore di teoria seguirà un intenso corso pratico di autodifesa.  Le  lezioni  saranno svolte da un  insegnante tecnico qualificato  di  Ju Jitsu, esperto di MGA  (Metodo Globale Autodifesa) della Federazione Nazionale Judo Lotta Karate Arti Marziali (FIJLKAM - CONI)
Saranno illustrati i principi fondamentali per sottrarsi alle aggressioni:

  • LA PREVENZIONE                
  • LE DISTANZE  
  • LE SCHIVATE 
  • GLI SQUILIBRI 
  • IL CONTROLLO
  • Saranno praticate tecniche di reazione legittima e proporzionata alla singola aggressione ed esclusivamente di difesa , esempio: TENTATIVO DI VIOLENZA SESSUALE
  • DIFESA DA AGGRESSIONI  IN AUTO, SUI MEZZI PUBBLICI, AL BANCOMAT, IN CASA.

Nel corso delle lezioni saranno illustrati i principi del diritto e della psicologia.( Esempio : non lasciarsi sopraffare dal panico – perché denunciare determinati comportamenti  o gesti , ecc…)
La fase conclusiva del programma sarà determinata da un Test di gradimento richiesto agli studenti, ai quali verrà rilasciato un attestato di partecipazione al corso  con esito positivo.

Rilascio di dispense redatte dallo psicologo/a sul tema “Violenza: prima - durante - dopo” da tenere nell’archivio scolastico a disposizione di tutti. Consegna di materiali e gadget Equilibra.

In una scuola del Lazio, ancora da definirsi , saranno filmate tutte le fasi del suddetto programma dalla nota regista televisiva Manuela Tempesta, per redigere un documentario che insieme alle relazioni preparate dagli insegnanti, formeranno una richiesta da presentare al Ministero della Pubblica Istruzione e al Ministero delle Pari Opportunità. Tale richiesta sarà fondamentale che venga accettata per consentire che questi fenomeni non siano più sottovalutati o ignorati, ma tempestivamente riconosciuti ed affrontati.

“A Scuola di Rispetto” con Equilibra, per sostenere il diritto alla convivenza felice di tutti gli esseri umani, senza distinzioni di sesso, di colore o di provenienza geografica.

TOP